Capodanno pisano

Storie, racconti e amenità varie di Ugo Tartarugo   Ogni tanto, non sempre, le feste vanno rispettate. Anche solo per non essere sempre bastian contrari. Allora come non si può non parlare del “Capodanno pisano”. Questo per non dire che me lo ha ordinato Giccì. Quando il capo ordina bisogna obbedire, non si scappa.  Continua a leggere “Capodanno pisano”

San Valentino

Storie, racconti e amenità varie di Ugo Tartarugo San Valentino. Questa volta tocca alla festa più sdolcinata del calendario. Dalla premessa si deduce il mio gradimento. Visto che ho sufficiente mano libera cerco di celebrarla alla mia maniera. Vi propongo alcune “valentine” scritte da uno dei più famosi poeti dell’800. Edgar Allan Poe. Lo soContinua a leggere “San Valentino”

Lupus in fabula

Storie, racconti e amenità varie di Ugo Tartarugo Questa volta entro nella tana del lupo. Povero me. proverò a parlare di alcuni dei detti latini più usati. Per questo mi sento come se entrassi nella tane del lupo considerando che molti di voi che leggete siete ferratissimi in latino. Siate indulgenti. Abbiate pietà del poveroContinua a leggere “Lupus in fabula”

Omografi

Storie, racconti e amenità varie di Ugo Tartarugo. Parlerò di omografi. Cominciamo con le parole difficili. Dirà qualcuno. Sperando che qualcuno legga queste rubriche. Si comincia con “omografo” e si finisce con “precipitevolissimevolmente”. Di questo passo rischio di perdere i pochi lettori che ho e Giccì mi toglie l’incarico. Abbiate pietà, non abbandonatemi. Tengo famiglia.Continua a leggere “Omografi”

Alfred Jarry

Storie, racconti e amenità varie di Ugo Tartarugo. Questa volta vi parlerò, brevemente, di Alfred Jarry (1873-1907). Noto soprattutto per il suo “Ubu” e la sua ancora più famosa esclamazione “Mendre!”. Non molti sanno che, fra le altre cose, è stato l’inventore della Patafisica o Scienza delle soluzioni immaginarie. Nella vita privata era un’eccentrico. PerContinua a leggere “Alfred Jarry”

Storie, racconti e amenità varie di Ugo Tartarugo.

Storie, racconti e amenità varie di Ugo Tartarugo Un giorno Giccì (Grande Capo) mi chiama e mi dice: “Ho un grande compito da affidarti”. Io ho pensato: “Ci sarà da montare qualche lampadario o da trasportare qualche vaso di piante o altro di simile”. Invece, con mia grande sorpresa non era niente di questo. DovevoContinua a leggere “Storie, racconti e amenità varie di Ugo Tartarugo.”